Rinvenuti e sequestrati 42 kg di cocaina e 44 kg di hashish all'interno di un casolare di campagna

guardia di finanza 2' di lettura 12/11/2021 - Durante le perquisizioni effettuate in sede di esecuzione delle ordinanze di custodia cautelare disposte dal G.I.P. del Tribunale di Bologna lo scorso 9 novembre, nell’ambito dell’operazione “Maffi”, che ha disarticolato un’associazione a delinquere dedita al traffico internazionale di stupefacenti e composta prevalentemente da soggetti di nazionalità albanese, i Finanzieri del Comando Provinciale di Bologna hanno rinvenuto e sequestrato 42 kg di cocaina e 44 kg di hashish.

Il rilevante quantitativo di stupefacente è stato scoperto all’interno di un casolare di campagna in provincia di Reggio Emilia utilizzato per l’allevamento di animali da cortile che, sin dal 2019, era nella disponibilità di uno degli indagati, destinatario di ordinanza di custodia cautelare agli arresti domiciliari, che fungeva da corriere per l’intero sodalizio criminale.

Le Fiamme Gialle del Nucleo di polizia economico-finanziaria di Bologna, individuato l’immobile, hanno proceduto a perquisirne minuziosamente i numerosi locali, constatando che vi dimorava un cittadino italiano. Gli specialisti del Gruppo Operativo Antidroga si sono insospettiti quando, nella camera da letto, hanno rinvenuto alcune dosi di hashish e un frullatore con numerose tracce di sostanza bianca dalla consistenza polverosa che, sottoposta a narcotest rapido, si è rivelata essere cocaina.

Nel corso delle operazioni, i militari hanno poi notato una porta serrata, di cui entrambi gli indagati hanno negato di avere le chiavi, rinvenute di lì a poco abilmente occultate all’interno di un armadietto. Entrati nella stanza, l’attenzione degli investigatori è stata catturata dall’odore, tipicamente pungente, dell’hashish stoccato all’interno del locale.

I militari hanno quindi deciso di approfondire ulteriormente le ricerche, all’esito delle quali hanno scoperto, nascosti sotto mobili vetusti e fatiscenti, borsoni contenenti 42 kg di cocaina, 44 kg di hashish e 300 g. circa di polvere “da taglio”, sostanze che, una volta immesse in commercio, avrebbero fruttato oltre 2,5 milioni di euro. I due soggetti, italiani e gravati da precedenti, sono stati quindi tratti in arresto in flagranza di reato e associati al carcere di Reggio Emilia, a disposizione della competente Autorità Giudiziaria. L’attività testimonia il costante impegno che il Corpo riserva nel contrasto sia del traffico di sostanze stupefacenti, vera e propria piaga sociale oltreché veicolo di morte per quanti ne fanno uso, sia della criminalità organizzata, italiana e straniera, che trae da detto traffico la parte più consistente delle proprie risorse economiche.

È attivo il servizio di notizie in tempo reale tramite Telegram di Vivere Reggio Emilia.
Per Telegram cercare il canale @viverereggioemilia o cliccare su https://t.me/viverereggioemilia

È attivo anche il nostro canale Facebook: facebook.com/viverereggioemilia/






Questo è un articolo pubblicato il 12-11-2021 alle 14:21 sul giornale del 13 novembre 2021 - 123 letture

In questo articolo si parla di cronaca, guardia di finanza, emilia romagna, notizie, Sara Santini, articolo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/ctJW